IL FESTIVAL

SEQUENCE SHOT FILM FESTIVAL "MONOCHROME" EDITION


La terza edizione di SEQUENCE SHOT FILM FESTIVAL - MONOCHROME, organizzata da Blindvision e Universo Foto in collaborazione con Serre Torrigiani, tenutasi a Firenze giovedì 20 settembre 2018, ha avuto un ottimo esito per partecipazione di pubblico ed interesse del tema: aspetti del linguaggio cinematografico in bianco e nero, in una rassegna internazionale di opere brevi.
L'aria ancora estiva, la splendida cornice del giardino Torrigiani, lo stile conviviale e spontaneo della serata, il programma e le presenze professionali, hanno creato un'occasione autentica di incontro e riflessione sul linguaggio filmico e il rapporto tra narrazione, stile e tecnologie.
L'evento, limitato per motivi di spazio a 200 inviti su 400 richieste, si è aperto alle 19,30 con il photo shooting firmato Fujifilm Instax. Il pubblico del Festival e' stato via via ritratto con la Instax300 munita delle nuove pellicole Monochrome wide. Gli scatti, realizzati da Francesco Cuffaro, sono stati arricchiti da tre personaggi mascherati con i trucchi cinematografici dello studio Crea FX, presente con altre sue suggestive creazioni.all'interno della sala proiezioni nella serra.
Alle 20, rinfresco di accoglienza curato da Serre Torrigiani e Cantina Francesca.
Alle 21,30 Graziano Staino ha presentato la nuova edizione del Sequence Shot Film Festival-Monochrome edition, motivando i criteri di selezione delle opere nel quadro della produzione internazionale. E' stata presentata la Giuria del Festival: l'attrice Giusi Merli, la Presidente dell'Italian Film Commission Stefania Ippoliti, la VisualFX Designer Chiara Feriani, il cantante e produttore Piero Pelu', l'artista Giacomo Costa ed il Designer Piero Angelo Orecchioni.
Il pubblico è stato invitato a partecipare alla votazione attraverso apposita scheda.
E' iniziata la proiezione delle dodici opere in concorso, 3 di produzione italiana e 9 distribuite in vari Paesi, con una varietà di durata, linguaggi ed investimenti produttivi.
Alle 23, a fine delle proiezioni, seguite con vivace interesse dal pubblico, sono state raccolte le schede e la giuria si è riunita per designare il vincitore.
Alle 23,15 Graziano Staino, Andrea Berni di Universo Foto e Sebastiano Spada di Fujifilm Italia, insieme alla Giuria, hanno proclamato i vincitori 2018. Organizzatori, Giuria e pubblico sono stati concordi nell'apprezzare il buon livello e interesse delle opere presentate, nelle quali la breve durata e il bianco e nero hanno realizzato effetti di particolare intensità, ritmo e impatto visivo ed emozionale.
Vincitore Migliore opera 2018
A Mighty Nice Man di Jonathan Dee
Premio Speciale del Pubblico 2018
The Pavement di Taylor Eng



SEQUENCE SHOT FILM FESTVAL "LONG TAKE" EDITION


A Firenze l'edizione 2017 martedì 12 settembre
presso Museo Novecento e Serre Torrigiani

Il Festival nasce nel 2016, da un'idea di Graziano Staino, con l'intento di promuovere opere di tutto il mondo realizzate interamente in piano-sequenza, tecnica cinematografica che consiste nella modulazione di una sequenza (un segmento narrativo autonomo) attraverso una sola inquadratura.
Firenze 12 settembre nei suggestivi spazi del Museo Novecento e delle Serre Torrigiani si è ufficialmente svolta l'edizione 2017 del Sequence Shot Film Festival diretta dai registi Graziano Staino e Lorenzo Bechi e dal critico cinematografico Enrico Ghezzi ( già presidente di giuria della prima edizione).
Alle 18:30, presso l'Altana del prestigioso Museo Novecento in piazza S.Maria Novella, si è svolto l'incontro-studio "Oroborus, il piano-sequenza e l'infinito", avente come soggetto l'analisi del concetto di piano-sequenza trasposto nelle più svariate discipline artistiche.
Durante l'incontro è stato proiettato "Oroborus - Enrico Ghezzi, il piano-sequenza e l'infinito", film realizzato da Enrico Ghezzi, Lorenzo Bechi, Roberto Schoepflin e Graziano Staino, nel quale il critico cinematografico, ripreso da sette telecamere, analizza e sviscera il concetto di piano-sequenza nell'era digitale.
Dopo un intervento in diretta dello stesso Enrico Ghezzi si è passati alla proiezione del cortometraggio "ARTURO" realizzato dall'artista visivo Alessandro Bavari, presente all'incontro, insieme all'illustratore Theo Caneschi, il quale si è concentrato in una realizzazione live dell'Oroborus.
Alle 20:30, nell' affascinante contesto delle Serre Torrigiani, si è tenuta la Rassegna-Festival internazionale, dedicata ad opere realizzate esclusivamente in piano-sequenza, a cura di Graziano Staino e Lorenzo Bechi.
All'interno della Serra più grande è stata allestita una sala cinematografica dove sono state proiettate le opere in concorso: 12 per la rassegna internazionale e 4 per quella italiana.

La Giuria del festival, composta dalla Presidente della Toscana Film Commission Stefania Ippoliti, dall'attrice Giusi Merli, dall'artista Alessandro Bavari e dal disegnatore Theo Caneschi è stata chiamata a decretare i due vincitori del festival:
- miglior film internazionale
- migliore opera italiana.
Oltre allo schermo cinematografico principale, altri due schermi secondari hanno mostrato al pubblico "Oroborus - Enrico Ghezzi, il piano sequenza e l'infinito".

Sezione Internazionale 2017

1 "Pollyanna" Roman Gubin (Canada)
2 "The Robbery" Jim Cummings/Dustin Hahn (USA)
3 "Colera" Aritz Moreno (Spagna)
4 "Requiem" Lisa Camillo (Australia)
5 "Senza mattina" Mohammad Baghi (Iran)
6 "Halibut" Stargate Media (Norvegia)
7 "One shot" Andrea Casaseca (spagna)
8 "Let's Be Civil, Kenneth! " Eric Pumphrey (USA)
9 "At The End Of The Cul-de-Sac" Paul Trillo (USA)
10 "Billboard" Adolpho Veloso (Brasile)
11 "The Last Ten" David Higgs (UK)
12 "After the Fray" Matthew Harrison (UK)

Sezione ITALIA 2017

1 "Golf" di Giulia e Neri
2 "Cul de sac" Tayu Vlietstra
3 "ATLANTE" FILM-LIVE
4 "Flow" Carlo Galbiati